L'Olio del Parco Nazionale del Gargano

L’area delle colline del Gargano, che si estende su una superficie di circa 20 mila ettari, rappresenta la zona olivicola per eccellenza della provincia di Foggia. Nel Gargano l’olivo è presente essenzialmente sul lato nord-orientale (Ischitella, Vico del Gragano, Vieste, Cagnano, Varano), ma si trova anche sul lato occidentale (San Giovanni Rotondo, Sannicandro). Se la varietà prevalente è rappresentata dalla Ogliarola Garganica, prodotta da piante secolari e di mole gigantesca, la Coratina è sempre più presente nei nuovi impianti e anche la Peranzana e la Rotondella trovano spazio in coltivazioni di tipo misto. La coltura è scarsamente assistita da impianti di irrigazione e la raccolta viene effettuata a mano sulla pianta. La denominazione di origine protetta Dauno, accompagnata dalla menzione geografica Gargano, è riservata all’olio extravergine di oliva ottenuto dallavarietà Ogliarola Garganica presente negli oliveti in misura non inferiore al 70%. Possono concorrere altre varietà presenti negli oliveti fino al limite massimo del 30%. L’olio ottenuto varia da zona a zona e risente molto della composizione del terreno, della distanza dal mare e naturalmente della composizione varietale. Si ottiene solitamente un olio dal colore che va dal verde al giallo, odore di fruttato medio con sensazione erbacea e sapore fruttato con retrogusto e sensazione di mandorla.


Nel Gargano non mancano aree caratterizzate da giganteschi esemplari plurimillenari, dato che insieme alla presenza di frantoi in alcuni siti archeologici testimonia la lunghissima tradizione della coltura dell’olivo in queste terre.


L’olio extravergine prodotto gode della Denominazione di Origine Protetta (DOP) Dauno con la mensione geografica Gargano.

Il parco ha negli anni dato vita ad una manifestazione denominata Parcoleum per la valorizzazione del prodotto.


olio buono olio pugliese olio di vieste vendita olio di vieste offerta olio vieste azienda agricola vieste offerta olio pugliese